David Peace: “Il maledetto United”

Guarda 'Il maledetto United' su aNobii Innanzitutto, lo United del titolo NON è il Manchester che, anzi, piomba in Seconda Divisione. Perché qui si parla di un altro calcio, pieno di difetti ma anche di ingenuità, e, soprattutto, lontano anni luce da quello attuale, impacchettato e standardizzato come una saponetta.
Siamo all’inizio degli anni settanta, quando in Inghilterra dominano Leeds United e Derby County: nomi che risvegliano memorie infantili di una finale di Coppa delle Coppe con il Milan (qui appena accennata) e di una semifinale di Coppa dei Campioni con la Juve (e di questa si racconta, oh se si racconta). Protagonista del libro è Brian Clough, allenatore emerso con il Derby e che prova ad allenare l’odiatissimo Leeds: ben presto mal gliene incoglie.
Il Clough qui narrato è istintivo, sboccato, arrogante ed insofferente, ma è anche un sognatore, profeta di un calcio pulito, libero dai sotterfugi e dagli imbrogli di un sottobosco maneggione: peccato che sia esattamente tutto ciò che addebita al Leeds (società, guida tecnica e squadra) ed un po’ anche al resto dell’universo calcistico. La breve lotta contro i mulini a vento – vissuta tra mille sigarette e alcolici di varia specie – è contrappuntata dal racconto della sua vita in panchina, dall’infortunio che ne stronca la carriera agonistica all’odio-amore con il Derby. Questa è narrata in seconda persona, quella in prima: entrambe scritte con una lingua intessuta di frasi brevi, ripetizioni, allitterazioni, giochi verbali che in qualche modo riflettono l’ossessione che domina il personaggio principale. Che, come si affretta a spiegare l’autore, dovrebbe essere visto solo come un personaggio, non come il Clough reale, così come pure la moltitudine di caratteri con cui interagisce. La precisazione non ha in ogni caso evitato che qualcuno si risentisse, soprattutto fra chi è disegnato con tratti negativi: specie fra i calciatori che, come categoria, sono quelli che ne escono forse peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *