Il Piacenza non sale sull’ottovolante. Al Garilli passa l’Arezzo 1-2 (www.sportpiacenza.it)

Il Piacenza vede l’ottovolante ma non ci sale. L’Arezzo passa con merito al Garilli, la squadra di Sottili disputa una bella partita consegnando il campo al Piacenza solamente negli ultimi 20’ senza che i biancorossi riescano a produrre qualcosa di veramente concreto. Una sconfitta che risulta parzialmente indolore, perché Como e Renate non vanno oltre al pareggio contro Carrarese e Lucchese e dunque rimangono a -6, mentre la Viterbese si avvicina agli emiliani (-5).
Il campo invece parla di un Piacenza stanco dalla grande corsa iniziata nel derby contro la Cremonese, un giro a vuoto ci sta e forse non è nemmeno necessario cercare troppi demeriti nella squadra di Franzini – se ha perso qualcosa che non ha funzionato c’è – ma è sufficiente guardare la bella prova dell’Arezzo, bravo a chiudere i rifornimenti del Piacenza per 60’ e poi vincere grazie a Moscardelli che spacca la partita con la sua classe, mettendo lo zampino in tutte e due le reti e, più in generale, nelle azioni offensive dei toscani.
Franzini recupera in extremis Romero e sceglie Cazzamalli in mezzo al campo al posto di Matteassi, per il resto cambia poco con Miori, Sciacca e Castellana a sostituire gli infortunati Pelizzoli, Abbate e Di Cecco. Dall’altra parte c’è una novità, Sottili sceglie Arcidiacono dietro allo spauracchio numero uno Moscardelli. Si preannunciava una partita tattica, tra due squadre che scoppiano di salute e infatti l’avvio di gara è molto equilibrato. L’Arezzo blocca i rifornimenti del Piacenza sul nascere con Moscardelli a uomo su Silva e Foglia pronto ad accorciare sempre su Taugourdeau, il Piacenza allora cerca di passare spesso da Castellana per lanciare Nobile. Le vie sono tutte ingolfate e così i primi 45’ producono tanti sbadigli e due azioni, una per parte: Nobile spara tra le braccia di Borra dopo un bello spunto personale, dall’altra parte del campo Bearzotti dal limite dell’area spara a fil di palo.
La ripresa si apre in salita: girata al volo di Moscardelli, traversa-riga, tap in al volo di Corradi libero a centro area e Arezzo in vantaggio. Al 54’ ancora Moscardelli per Corradi, tutto solo è fermato da una paratona di Miori. Il Piacenza soffre in difesa – per vie centrali – ed è evanescente in attacco (i biancorossi protestano per un sospetto rigore su Taugourdeau), Franzini perciò tenta la scossa inserendo Franchi al posto di Masullo (58’) passando al 4-3-3 con Castellana e Sciacca sulla linea di Pergreffi e Silva. Poco prima un’accelerata di Nobile aveva creato grattacapi alla difesa ospite; è il segnale che il Piacenza tenta di alzare i giri del motore.
Gli emiliani alzano baricentro e attacco, esponendosi alle ripartenze dell’Arezzo, ma almeno riescono a stazionare nella trequarti ospite. Cazzamalli (generoso ma spento) lascia il posto a Bertoli, Sottili puntella la mediana con Rosseti al posto di Arcidiacono ma questa volta è la sfortuna a condannare i biancorossi: tiro “ciabattato” di Moscardelli che diventa un assist incredibile per Bearzotti il quale fredda Miori da distanza ravvicinata e chiude la gara. Nemmeno pochi secondi e Saber fa un gran numero in area – autorete di Borra, ma il gol è da assegnare al piacentino – tenendo in vita il Piacenza con un’azione rocabolesca: 1-2. Per l’assalto finale Franzini spedisce in campo Razzitti per Romero. Il Piacenza mette lì l’Arezzo che si difenda ordinatamente in trincea disinnescando tutti i traversoni degli emiliani.

Giacomo Spotti

PIACENZA-AREZZO 1-2

PIACENZA: Miori; Sciacca, Pergreffi, Silva; Castellana, Saber, Taugourdeau, Cazzamalli (26′ st Bertoli), Masullo (13′ st Franchi); Romero (29′ st Razzitti), Nobile. A disposizione: Lanzano, Crscione, Matteassi, Segre, La Vigna, Debeljuh, Tulissi, Dossena. All. Franzini
AREZZO: Borra; Muscat, Ferrario, Solini; Bearzotti, Foglia, Cenetti, Sabatino; Corradi (27′ st Rosseti), Arcidiacono (41′ st Yamga); Moscardelli. A disposizione: Garbinesi, Masciangelo, Barison, Erpen, D’Ursi, Yamga, Polidori, Ba, Luciani, Farelli. All. Sottili
ARBITRO Marchetti di Ostia Lido, assistenti Zingrillo di Seregno e Cataldo di Bergamo.
RETI: 2′ st Corradi (A), 28′ st Bearzotti (A), 29′ st Saber (P)
NOTE: campo in discrete condizioni, pomeriggio coperto, temperatura piacevole. Spettatori: 1802, incasso 6726 euro. Tiri: 4-7. Corner: 3-5. Ammoniti: 34′ pt Nobile, 15′ st Silva, 36′ st Solini, 40′ st Sciacca, 44′ st Razzitti. Espulsi: nessuno. Recuperi 0’ pt e 4’ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *