Dai Piacenza: andiamo a comandare. Como battuto e ora agli ottavi c’è il Parma (www.sportpiacenza.it)

La resa dei conti va al Piacenza, che batte il Como sul campo per la terza volta in stagione al termine di una partita tesa, esasperatamente tatticamente, con le due formazioni aggrappate alla tensione e che nel finale vive il suo culmine quando Chinellato spaventa gli emiliani timbrando il pareggio e Le Noci rischia di fermare i 3mila cuori piacentini a 1’ dalla fine. Il resto è la rete di Franchi (al Piacenza bastava anche il pareggio) che libera d’incanto l’urlo dei piacentini e lancia la squadra di Franzini negli ottavi di finale. Al Garilli arriva il Parma per l’ennesima edizione del derby del Ducato, ma qui stavolta si gioca su andata e ritorno, e saranno 10 giorni dolcissimi per i tifosi e per una squadra che, dopo i quattro derby, sta provando a scrivere pagine bellissime della nostra storia pallonara. Da quanto sembra col Parma si giocherà sabato 20 maggio, ma data o orario ufficiale si sapranno solamente lunedì quindi la notizia è da prendere con le dovute precauzioni.
Franzini sceglie a sorpresa Cazzamalli in mediana nel 3-5-2 e Masullo sulla sinistra, Gallo invece conferma la formazione – speculare ai biancorossi – con Cristiani e Chinellato in attacco e le chiavi del gioco affidate a Di Quinzio e Pessina. Lo stadio è bollente, la Curva Nord è colorata e chiassosa, i piacentini alzano subito i decibel ma anche i comaschi sono belli numerosi e riempiono un modulo della Sud. Come prevedibile il Piacenza parte con il freno a mano tirato, mentre il Como spinge subito forte e viene annullata una rete a Cristiani (fallo di mano, è ammonito). Gli emiliani si spaventano e con un po’ di fortuna trovano il vantaggio (22’): cross sballato di Masullo, la difesa lariana pasticcia grossolanamente e Sciacca si trova al momento giusto nel posto giusto per il diagonale vincente. Passa un amen e Crispino salva sul diagonale di Romero, dopodiché il Como si accende davvero.
La squadra di Gallo cresce per intensità e qualità, tirando fuori il meglio al 30’: prima Chinellato gira di prima intenzione, palla in corner. Sugli sviluppi gran conclusione di Di Quinzio che Miori respinge di piede. La qualità dei lariani è quella di attaccare a pieno organico rimanendo comunque ordinati in difesa, il Piacenza risponde con una prova mostruosa dei tre centrali per tempismo e concentrazione, si va al riposo con i biancorossi avanti.
Nella ripresa i lombardi ripartono ingolfati e al 60’ Gallo aumenta il carico: fuori un impalpabile Cristiani dentro Le Noci. La partita però stenta a decollare, in campo affiora la stanchezza dopo un primo tempo tiratissimo sia per energie nervose sia fisiche, il Piacenza non ha interesse ad aumentare il ritmo mentre il Como fatica. A 7’ dalla fine la palla del pareggio piomba sui piedi di Damian che spara alto in area piccola, sono le avvisaglie dell’assalto finale che arriva quando Chinellato, poco dopo, trova il pareggio sulla verticalizzazione di Le Noci.
Gli ultimi 5’ sono come una seduta dal dentista: Le Noci bombarda a botta sicura, la difesa mura un gol fatto e sugli sviluppi ancora Le Noci in girata – da terra – alza sopra alla traversa. La tensione si taglia con il coltello, lo stadio si ammutolisce quando Crispino compie un miracolo su Franchi ma, a sessanta secondi alla fine, lo stesso Crispino s’incarta nel dribblare Franchi che questa volta ringrazia, gli soffia il pallone e libera l’urlo del Garilli. Il Piacenza vola agli ottavi e trova il Parma, i tifosi ora iniziano a sognare.

Giacomo Spotti

PIACENZA – COMO 2-1

PIACENZA: Miori; Pergreffi, Silva, Abbate; Sciacca, Saber, Taugourdeau, Cazzamalli, Masullo; Romero, Nobile (30′ st Franchi). A disposizione: Lanzano, Matteassi, Pozzebon, Colombini, Segre, La Vigna, Bertoli, Castellana, Debeljuh, Tulissi, Dossena. All. Franzini.

COMO: Crispino; Nossa, Briganti (24′ st Damian), De Leidi; Sperotti, Di Quinzio, Fietta, Pessina (29′ st Cortesi), Marconi; Chinellato, Cristiani (12′ st Le Noci). A disposizione: Zanotti, Cicconi, Antezza, Kolaj, Cavalli, Piacentini, Peverelli, Fissore. All.: Gallo.

ARBITRO: Pagliardini di Arezzo, assistenti Li Volsi di Firenze, Gnarra e Zingarelli di Siena.

RETI: 22′ pt Sciacca (P), 38′ st Chinellato (C), 50′ st Franchi (P)

NOTE: campo in discrete condizioni, serata calda. Spettetori: 3616, incasso 38.640 euro. Tiri: 8-6. Corner: 3-9. Ammoniti: 12′ pt Cristiani, 30′ pt Romero, 45′ pt Masullo, 19′ st Chinellato, 32′ st Marconi, 50′ st Cortesi. Espulsi: nessuno. Recuperi: 2′ pt e 7′ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *