Il Piacenza crolla a Monza (2-0) dove ci lascia molte certezze. Male la prima (www.sportpiacenza.it)

Male la prima per il Piacenza che torna sconfitto, senza alcun appello, dalla trasferta al Brianteo contro il Monza. Brianzoli trascinati da uno scatenato Cori (gol e assist) e sostenuto da una squadra più in generale decisamente in palla, mentre il Piacenza in un solo colpo ha perso le granitiche certezze della difesa e dimostrato di essere ampiamente in deficit nella costruzione di gioco. In pratica la squadra di Franzini ha vissuto solo due fasi positive nell’arco della partita: nei primi 40’ ha sofferto poco (e creato nulla), nella ripresa quando ha accelerato ha dimostrato di poter far male alla squadra di Zaffaroni ma la folata è durata troppo poco. Fumagalli con una paio di miracoli ha evitato un passivo più ampio, male invece molti dei nuovi acquisti tra cui Bini (fallo di mano sul rigore e si perde Giudici sul raddoppio), Scaccabarozzi che non ha mai inciso sulla partita, Morosini (impalpabile) e Pederzoli che tesse sì gioco ma bisogna trovare una soluzione per coprirgli le spalle nella fase difensiva.
Franzini conferma l’undici della vigilia con Pederzoli in regia affiancato da Scaccabarozzi e Morosini, davanti la coppia Nobile-Romero e le fasce occupate da Masciangelo e Di Cecco. A protezione di Fumagalli il terzetto composto da Pergreffi, Silva e Bini.
Il gran caldo (37 gradi nel centro brianzolo) impone alle due squadre di gestire fin da subito le forze per non rischiare di arrivare senza benzina nella ripresa e infatti si parte al piccolo trotto fino al 12’, quando Fumagalli si scalda i guantoni compiendo un doppio intervento da urlo prima sulla conclusione di Palazzo e poi sul tapin di Caverzasi. Il Piacenza risponde con una punizione di Pederzoli che sfiora di un nulla – tanto da far urlare al gol il settore con circa 250 piacentini – l’incrocio dei pali.
Il Piacenza amministra piuttosto bene la fase difensiva, non riesce a creare quasi nulla in fase offensiva e quando ci riesce spesso è impreciso nell’ultimo passaggio con Nobile, tuttavia la partita scorre su binari abbastanza noiosi fino al 35’ quando è il Monza a crescere e costringere all’angolo gli emiliani. Fumagalli non corre grossi pericoli ma prima del riposo Bini commette un ingenuo fallo di mano in area: rigore che Cori trasforma aprendo il tabellino. La squadra di Franzini è troppo lenta e il pezzo della casa, gli inserimenti di Morosini e Scaccabarozzi, rimangono disegni sulla cartella del tecnico.
Franzini non gradisce, è evidente, e negli spogliatoio rimangono Nobile (troppo impreciso) e Morosini (lento) per Ferri e Della Latta. Gli effetti si vedono, i biancorossi iniziano a premere sulla corsia Ferri-Di Cecco, Della Latta si crea un’occasione di forza per via centrali che Liverani disinnesca in corner ma più in generale il Piacenza aumenta il ritmo – e i rischi, con Fumagalli che salva il raddoppio su Cori ma non può nulla sul contropiede che porta Giudici (perso da Bini) al raddoppio sul pregevole assist di Cori. Per gli emiliani a questo punto diventa un Everest da scalare, Franzini getta nella mischia anche Sarzi e Colombi ma tutto inutile. «Scoppole così possono fare bene se prese in un certo modo» dirà Franzini nel post partita.

Giacomo Spotti

Monza-Piacenza 2-0

Monza: Liverani, Carissoni, Riva, Guidetti, Cori (39’ st Cogliati), D’Errico, Palazzo (12’ st Barzotti), Caverzasi, Perini, Tentardini (32’ st Adorni), Giudici (32’ st Gasparri). A disposizione: Del Frate, Origlio, Palesi, Negro, Romanò. All.: Zaffaroni.
Piacenza: Fumagalli, Masciangelo (16’ st Mora), Pergreffi, Di Cecco (29’ st Colombi), Silva, Nobile (1’ st Ferri), Pederzoli, Romero, Bini, Morosini (1’ st Della Latta), Scaccabarozzi (29’ st Sarzi). A disposizione: Lanzano, Carollo, Masullo, Castellana, Segre. All.: Franzini.
Arbitro: Massimi di Termoli (Assistenti Biava e Younes)
Reti: 45’ pt rig. Cori (M), 24’ st Giudici (M)
Note – Giornata molto calda e afosa. Campo in perfette condizioni di gioco. Ammoniti: Silva, Della Latta. Corner: 4-4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *