Piacenza-Cuneo 0-1

Piacenza, Stadio Leonardo Garilli, 3 settmbre 2017 – Serie C, Girone A, 2^ giornata.

La brutta prestazione di Monza non è stata un caso: con il Cuneo, il Piacenza infila la seconda gara ben al disotto della soglia dell’accettabilità e regala tre punti inattesi ai piemontesi che mettono in mostra sì tanta buona volontà, ma anche una cifra tecnica non certo eccelsa.
Incontrare le neopromosse a inizio torneo non è mai facile, tanto più per una squadra rivoltata come un calzino e con l’intero centrocampo composto da nuovi interpreti: il Piacenza va a sbattere contro l’ordinata difesa ospite mettendo in mostra poche idee e un ritmo troppo compassato. Insomma, quando giochi in casa con il Cuneo e il migliore in campo è il tuo portiere, qualche problema c’è: sta ora a Franzini far quadrare il cerchio, magari inventandosi gli opportuni aggiustamenti nella disposizione in campo.
Malgrado il bel sole e un’aria frizzantina, l’incontro procede nella sonnolenza assoluta: il Cuneo testa i riflessi di Fumagalli (che si tuffa sulla propria sinistra a sventare un colpo di testa di Aperi e un tiro di Boniperti a seguire il corner successivo), mentre ben poco accade dalle parti di Stancampiano che, forse per far tenersi in movimento, trova il modo di accapigliarsi con Romero dopo un’uscita bassa. Il portiere ospite toglie dall’angolo basso sulla sinistra una punizione di Pederzoli, mentre un diagonale di Masciangelo (discreto dinamismo, ma capacità di crossare da rivedere) esce di un nulla sempre da quelle parti: in quarantacinque minuti è quasi tutto qui, con i sussulti che vengono solo nelle azioni di calcio da fermo. Il ‘quasi’ suddetto, difatti, è opera di Pergreffi che va a raccogliere sul secondo palo un calcio piazzato proveniente dalla trequarti destra, ma la sua deviazione si ferma sull’incrocio dei pali.
L’inizio ripresa ha un’impronta più vivace, con il Piacenza che sembra voler provare ad accelerare i ritmi: il risultato sono una volata di Zecca, un paio di mischie in area in cui gli ospiti arrivano sempre per primi sui palloni vaganti e, soprattutto, un bel traversone radente di Di Cecco da destra che Bini devia nell’area piccola centrando però il piede di Stancampiano. La fiammata finisce presto e, con il passare dei minuti, il Cuneo trova spazi più invitanti in parte dovuti agli squilibri originati dai cambi di Franzini alla ricerca del golletto risolutore.
Fumagalli è bravo e fortunato a chiudere in uscita bassa su Aperi sgusciato in area su lancio/conclusione di un compagno dai venticinque metri, ma nulla può fare sull’inzuccata di Dell’Agnello che, dal dischetto, devia un cross da destra facendo terminare il pallone accanto al palo opposto. Nell’occasione, doppio errore di Bini: prima perde il pallone sulla propria trequarti sul pressing di un avversario così Amperi può andare al traversone, poi non contrasta il centravanti avversario al momento della conclusione.
La sostituzione immediata sa di punizione, ma è il momento di buttarsi in avanti e un attaccante in più può servire: peccato che la pericolosità resti nulla (i calci d’angolo sono tutti inguardabili) a parte una girata di Morosini dal limite, bella ma non troppo potente, che Stancampiano va a togliere da sotto la traversa. (tabellino a seguire da www.sportpiacenza.it, voti al Piacenza miei).

Piacenza (maglia rossa e pantaloncini bianchi, 3-5-2): Fumagalli 7,5; Pergreffi 5,5, Silva 5,5, Bini 4 (85’ Ferri sv); Di Cecco 6,5 (85’ Mora sv), Della Latta 5, Pederzoli 5 (73’ Morosini 6), Scaccabarozzi 5,5, Masciangelo 5,5 (73’ Masullo 6); Zecca 5,5, Romero 5 (76’ Nobile sv). All. Franzini.
Cuneo (maglia bianca e pantaloncini neri, 4-3-3): Stancampiano; Quitadamo, Conrotto, Boni, Testoni; Cristini, Rosso, Gerbaudo (87’ Baschirotto); Boniperti (62’ Provenzano), Zamparo (73’ Dell’Agnello), Aperi. All. Gardano (in panchina Caridi).
Arbitro Rossetti di Ancona, assistenti Cataldo di Bergamo e Zaninetti di Voghera.
Reti: 85’ Dell’Agnello
Note: campo in buone condizioni, giornata soleggiata e calda; spettatori 601 paganti, 1132 abbonati; incasso 4990,50 euro; ammoniti Rosso (C), Boniperti (C), Fumagalli (P), Provenzano (C), Testoni (C), Mora (P); corner 11-2; recuperi 3′ e 4′.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *