Un Piacenza cinico doma la Lucchese con un gol di Mora e si rilancia in classifica. (www.sportpiacenza.it)

Il Piacenza delle prime volte sbanca il campo della Lucchese e si rilancia in classifica agganciando la sesta posizione in vista delle prossime sfide di mercoledì al Garilli contro il fanalino di coda Gavorrano e domenica prossima a Pontedera.
Per i biancorossi è la prima vittoria in trasferta nel campionato, è la prima volta che non incassano una rete e, soprattutto, vincono in casa dei toscani dopo 63 anni (l’ultimo successo risale alla stagione ’53/’54). Lo fanno al termine di una gara brutta e sporca, decisa dall’unica conclusione in porta del Piacenza con il neoentrato Mora e grazie a un Fumagalli come sempre monumentale ma si sa, a questa squadra non bisogna chiedere il fioretto e così in attesa di tempi migliori per il gioco – se mai arriveranno – la banda di Franzini si prende i tre punti, che poi sono l’unica cosa che conta.
Il tecnico si affida alla formazione annunciata tutta la settimana: difesa a cinque formata da Pergreffi, Silva e Bertoncini con Masciangelo e Di Cecco ai lati. A centrocampo Pederzoli si riprende le chiavi del gioco affiancato da Della Latta e Morosini, mentre in attacco c’è Scaccacabarozzi in appoggio all’unica punta Romero. Lopez risponde con una Lucchese a trazione anteriore ma i primi 45’ sono solo colpi a salve. Il Piacenza cerca di far qualcosa solo sul lato di Masciangelo – tra i migliori in campo – per il resto c’è un gran ordine in fase difensiva, infatti la Lucchese non crea praticamente nulla, ma davanti è notte fonda con Pederzoli che agisce più da difensore aggiunto, Scaccabarozzi completamente fuori gara e Romero abbandonato da solo là davanti. Un diagonale velenoso di De Vena e una timida risposta di Morosini (colpo di testa) sono il riassunto dei primi, noiosissimi, 45 minuti.
La ripresa promette altre cose e si vede fin dall’avvio. Il Piacenza finalmente cerca di mollare gli ormeggi di un pareggio che potrebbe diventare vittoria osando qualcosa in più, Scaccabarozzi ci prova dalla distanza ma la palla è deviata, la Lucchese risponde con un bel fraseggio che libera De Vena in area, la sua conclusione da distanza ravvicinata è però fuori misura. I ritmi si alzano un filo, Della Latta corre a perdifiato lungo tutto il centrocampo e le azioni migliori del Piacenza arrivano dalla parte di Masciangelo; una ripartenza di quest’ultimo libera al diagonale Morosini con la sfera che esce di un soffio. La Lucchese si rende pericolosa con Del Sante di testa ma sulla linea trova sempre la pronta risposta di Fumagalli e a 15’ dalla fine Mora (entrato al posto di uno spento Di Cecco), sugli sviluppi di una punizione trova la botta vincente da fuori area che inchioda – forse con l’aiuto di una deviazione – Albertoni e proietta i biancorossi verso i tre punti.
A questo punto quella del Piacenza diventa una partita si pura sofferenza, gli emiliani si chiudono a riccio davanti alla propria difesa e devono ringraziare Fumagalli che salva il risultato due volte: prima su Fanucchi e poi si supera sulla conclusione di Capuano. Terza vittoria consecutiva per gli emiliani che saranno brutti e sporchi, ma finora vincenti. Mercoledì al Garilli (ore 16.30) arriva un Gavoranno in caduta libera con zero punti in classifica dopo sei giornate, sarà l’occasione per allungare ancora in classifica.

Giacomo Spotti

LUCCHESE – PIACENZA 0-1

LUCCHESE: Albertoni; Capuano, Baroni, Maini; Merlonghi (15′ st Tavanti), Arrigoni, Nolè, Cecchini (39′ st Damiani); Fanucchi, De Vena (15′ st Bortolussi); Del Sante. A disposizione: Di Masi, Mingazzini, Razzanelli, Bragadin, Espeche, Russo, Cardore, Magli, Pagnini. All.: Lopez.

PIACENZA: Fumagalli; Masciangelo, Pergreffi, Silva, Bertoncini, Di Cecco (27′ st Mora); Della Latta, Pederzoli (42′ st Segre), Morosini; Scaccabarozzi; Romero. A disposizione: Lanzano, Nobile, Ferri, Bini, Carollo, Masullo, Castellana, Zecca. All.: Franzini.

RETE: 32′ st Mora (P)

ARBITRO: Clerico

NOTE: campo in buone condizioni. Spettatori: 1845. Ammoniti: 24′ st Fanucchi, 31′ st Capuano. Espulsi: nessuno. Corner: 9-3. Recuperi: 1′ pt e 5′ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *