Coppa Italia – Bruttissimo Piacenza, l’Alessandria passeggia al Garilli e vola agli ottavi di finale (www.sportpiacenza.it)

Il Piacenza saluta la Coppa Italia per mano di un’Alessandria che si prende una piccola rivincita dopo la rimonta di venerdì scorso in campionato al Garilli (da 0-2 a 3-2), i piemontesi hanno in sostanza il merito di crederci più degli emiliani che si fanno vedere per la prima volta dalle parti di Vannucchi a metà della ripresa, con una conclusione di Segre. A quel punto però il danno è già fatto perché la squadra di Marcolini stava conducendo con due reti di vantaggio – firmate da Fischnaller e Russini nei primi 45’ – e controllava agevolmente una partita che rimane in equilibrio solamente nei primi 20’. L’aspetto più negativo della serata, però, non è tanto la sconfitta in sé, piuttosto il Piacenza commette l’errore di uscire mentalmente dalla partita a metà della ripresa e così gli avversari si trovano la strada spianata per altre due reti che rendono il passivo eccessivamente pesante. I tifosi del settore Distinti al quarto gol dell’Alessandria staccano gli striscioni e vanno a casa, insomma, va bene perdere in una competizione in cui l’interesse è pari zero ma in questo modo non va affatto bene e Franzini sicuramente si farà sentire. Agli ottavi va dunque – con merito – l’Alessandria che affronterà al Moccagatta l’Albinoleffe.
I due tecnici attingono a piene mani dalla rosa, confermando che la Coppa Italia serve più che altro a far mettere benzina nelle gambe di chi sta giocando meno. Franzini schiera l’inedito trio offensivo con Zecca, Ferri e Di Cecco – Scaccabarozzi è a centrocampo – Marcolini risponde con una formazione imbottita di giovani (4-4-2) dove Fischnaller e Bunino hanno l’attacco sulle spalle.
Si gioca davanti a pochi intimi – solo il settore dei tifosi biancorossi conta una discreta presenza – ma nonostante ciò le due squadre danno anche vita a una buona gara, almeno in avvio. Il Piacenza spinge con un paio di sgasate di Zecca sulla destra, l’Alessandria sfiora il vantaggio prima con Bunino (su cui salva Lanzano) e poi con Fischnaller – Castellana salva sulla linea.
L’Alessandria sblocca il risultato al 25’ con un’azione da manuale: Bunino serve in profondità Russini, delizioso tocco sotto sull’uscita di Lanzano e per Fischnaller è un gioco da ragazzi toccare in rete il vantaggio. Il Piacenza prova a reagire ma 10’ dopo sono ancora i piemontesi a raddoppiare con Russino, su assist perfetto – questa volta da sinistra – di Bunino.
La ripresa si apre con i due cambi del Piacenza, dentro Segre e Pederzoli fuori Sarzi e Morosini, ma l’Alessandria controlla senza troppi affanni anche perché gli emiliani praticamente non si fanno mai vedere dalle parti di Vannucchi. Al 63’ Segre prova a svegliare il Piacenza con una conclusione dalla distanza che impegna Vannucchi. La partita sembra assestarsi su questi binari, tuttavia è proprio nel finale che il Piacenza commette l’errore di mollare troppo la presa trasformando una sconfitta accettabile in un tracollo: Pastore al 75’ firma la terza rete sugli sviluppi di una punizione, a 5’ dalla fine i piemontesi entrano nella difesa come un coltello nel burro e Nicco griffa il poker.

Giacomo Spotti

PIACENZA-ALESSANDRIA 0-4

PIACENZA: Lanzano, Di Cecco, Ferri, Bini, Masullo (36’ st Mora), Della Latta, Sarzi (1’ st Segre), Castellana, Morosini (7’ st Pederzoli), Zecca, Scaccabarozzi. A disposizione: Fumagalli, Masciangelo, Nobile, Romero, Corazza, Carollo. All.: Franzini.

ALESSANDRIA: Vannucchi, Celjak, Pastore, Ranieri, Sciacca, Nicco (40’ st Cazzola), Fischnaller, Piccolo, Russini (29’ st Casasola), Bunino, Rossetti (18’ st Branca). A disposizione: Pop, Marconi, Fissore, Gonzalez, La Fauci, Gozzi, Agazzi. All.: Marcolini.

ARBITRO: Santoro di Messina (assistenti Lombardo di Sesto San Giovanni, Mokhtar di Lecco)

RETI: 25’ pt Fischnaller (A), 35’ pt Russini (A), 30’ st Pastore (A), 37’ st Nicco (A)

NOTE: Spettatori: 295. Incasso: 2163 euro. Serata fredda, campo in ottime condizioni di gioco. Ammoniti: Ferri, Fischnaller, Di Cecco. Corner: 4-4. Recuperi: 1’ pt, 2’ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *